E' morto John Huber, Mr. Brodie Lee

Nella giornata di Santo Stefano, si è spenta la superstar della AEW Brodie Lee, all’età di 41 anni. L’Exalted One è deceduto dopo una battaglia con un male polmonare non ancora definito in quel di Jacksonville, in una delle cliniche Mayo (ndt una delle migliori cliniche in America), dopo un’assenza prolungata dal ring. A dircelo è proprio sua moglia Amanda che ci tiene a specificare che la sua malattia non era legata al Covid. Amanda ha scritto su Instagram: “Il mio migliore amico se n’è andato oggi. Mai avrei voluto scrivere queste parole. Il mio cuore è a pezzi. Il Mondo lo conosceva come Brodie Lee (precedentemente anche come Luke Harper) ma lui era il mio migliore amico, mio marito e il miglior padre che ci possa essere. Non ci sono parole per esprimere l’amore e il dolore che sto provando in questo momento. Se n’è andato circondato da persone che gli volevano bene dopo una lunga battaglia con una malattia polmonare non dovuta dal Covid. Lo staff medico della clinica Mayo è la migliore che ci possa essere e la loro bravura è ineguagliabile, a loro sono grata per avermi circondata con affetto e amore durante questo periodo.” Amanda ha poi continuato esprimendo la sua gratitudine per la AEW dove John aveva cominciato a combattere da Marzo, ringraziandoli per come lei e i suoi figli sono stati supportati. Infatti la sua dichiarazione riporta: “Lo staff AEW mi ha aiutata a rialzarmi e raccogliere i mille pezzi del mio cuore”. Aggiungendo poi: “Sono pervasa da così tanto amore e persone incredibili che mi rimane difficile ringraziare tutti, ma voi sapete chi siete e credo che non saprete mai quanto vi devo.”

La AEW ha rilasciato una dichiarazione su Twitter che riporta: “Noi della All Elite Wrestling siamo a pezzi. In un’industria piena di persone di cuore, Jon Huber era rispettato e amato da molti – un wrestler feroce e dal talento accattivante, un mentore premuroso e semplicemente una persona umile e buona che contraddiceva un sacco la sua gimmick in-ring, quella dell’Exalted One Brodie Lee.”

Wrestler di ogni federazione e personaggi legati all’industria si sono uniti al cordoglio della famiglia Huber. Noi di AEW Italian Podcast, Wrestling Unico Amore, Il Lato Viola Del Ring ci uniamo al forte dolore che ha colpito Amanda e la sua famiglia.

God Speed and Rest in Power, Jon Huber

Al cordoglio si sono aggiunti tanti lottatori e tante personalità in vista e noi vogliamo riportarvene alcune.

Tony Khan: “Sono devastato dalla perdita di Jon Huber, conosciuto ai fan come Mr. Brodie Lee, precedentemente conosciuto anche come Luke Harper. Jon era un grande uomo. La sua famiglia veniva prima di tutto, la sua amata moglie Amanda e i suoi figli Brodie e Nolan. Lui amava il wrestling e ci sapeva fare, amava voi fan. Portatelo nei vostri cuori”

Brandi Rhodes: “Ti voglio bene e mi manchi Jon. Grazie per tutto quello che hai fatto per me e per la mia famiglia. Ti vogliamo tutti un sacco di bene. Eri veramente una brava persona. E’ stato un piacere e privilegio conoscerti e lavorare con te. La tua famiglia fa parte della nostra famiglia ora. Ci prenderemo cura di loro. Buon riposo amico.”

Beth Phoenix: “Impensabile. Amore e forza alla famiglia di Jon. #RipBrodieLee”

Renee Paquette: “Sono veramente a pezzi. Un abbraccio veramente forte a Brodie e alla sua famiglia.”

Shaul Guerrero: “Jon Huber era un meraviglioso padre, marito, intrattenitore e uomo. Amava la sua famiglia veramente tanto. Un abbraccio forte a Amanda, Brodie Jr e Nolan. Vi vogliamo bene.”

Brandon Cutler: “Conoscevo Jon solo da pochi mesi ma per quel poco di tempo ho avuto modo di capire che lui era veramente una persona brava. Era VERAMENTE divertente e con lui ci divertivamo un sacco a girare le gag di BTE. Sono veramente a pezzi per la sua famiglia.”

Young Bucks: “Ti vogliamo bene Brodie.”

Daniel Bryan: “Ti voglio bene e mi manchi. #RipBrodieLee”

Il profilo WWE operato dal canale Fox, “WWE on FOX”: “Avere il cuore a pezzi sarebbe solo un eufemismo. #RipBrodieLee”

Evil Uno: “RIP Jon. Mi mancherai.”

Stephanie McMahon: “Mi dispiace così tanto per la perdita di Jon Huber. Ci piaceva parlare dell’amore per i nostri figli. Lui veramente un uomo di famiglia. #RipBrodieLee”

Cody Rhodes: “Il mio cuore è colpito dalla perdita di Brodie Lee. Era ovvio che lui era un atleta pieno di talento. Sapeva come “raccontare storie”, ma il suo miglior talento era quello di saperti spronare e lui aveva standard molto rigidi. Durante il primo meeting avuto con lui era ovvio che era un uomo di famiglia ed un essere umano di prima classe. Ho condiviso l’ultimo match con lui. Quello è un onore e privilegio incredibilmente umile. Grazie “Big Rig”. Onoreremo te e la tua famiglia.”

I Toronto Maple Leafs (squadra di hockey per cui Jon faceva il tifo): “Esprimiamo le nostre condoglianze alla famiglia di Jon.”

Alex Reynolds: “Non finirò mai di ringraziarti per tutto l’aiuto e i consigli che mi hai dato per il wrestling e la vita in generale. Mi mancherai tanto.”

Tony Schiavone: “Io come tanti non ho parole per descrivere la tristezza che stiamo vivendo oggi. Lui era speciale sia dentro che fuori il ring. #RipBrodieLee”

John Silver: “Questo è il peggior giorno della mia vita.”

Taz: “Incontrai Jon un anno fa a Jacksonville. Mi è stato simpatico sin da subito, e sapevo che sarebbe diventata una STAR e più di tutto un uomo che amava la sua famiglia. Ho il cuore a pezzi per sua moglie e i suoi bambini e tutti gli amici di Jon durante questo periodo difficile. #RipBrodieLee”

Karl Anderson: “Grazie per essere stato una delle migliori persone Brodie Lee. I miei figli si divertivano sempre con te e il piccolo Brodie Jr. Ti voglio bene amico.”

Bray Wyatt: Tu eri il mio migliore amico. Il mio fratello, il mio partner, il mio Terry Gordy. Abbiamo avuto modo di cambiare il business perché abbiamo fatto il lavoro a modo NOSTRO. Eravamo sempre al meglio quando combattevamo insieme, penso che lo sapevi anche tu. Combattevamo come dei fratelli, perché lo eravamo. Sono incazzato nero. Non doveva andare così, doveva finire con me e te, grassi e vecchi e ormai allo stremo che facevamo reunions della Wyatt Family nelle scuole superiori americane. Che facciamo ora? Cosa faccio ora che non posso più sentire il tuo sarcasmo condiscendente quando avrò raggiunto i miei sogni? Mi manchi già tanto, cazzo. Farei di tutto per rivivere ancora una volta i nostri momenti peggiori per il fatto che tu non ci sei più. Mi dispiace così tanto, fratello, Mi dispiace. Che io lo voglia o no, ora è tutto diverso da quanto non ci sei più e spero che Amanda capisca che io sono qui per lei, non solo per dirlo tanto per, ma anche perché voglio bene a loro. Farò di tutto per far vedere a tuo figlio l’incredibile uomo che eri. Non gli racconterò delle storie che in molto diranno, ma gli dirò del vero te, quello che in pochi hanno avuto modo di vedere. Ti prometto che lo manderò over in modo pulito nei Dark Match quando sarà grande abbastanza. Fa troppo male. Magari avessi avuto modo di dirti addio ma poi, al di là di tutto…E’ sabato e sai cosa significa. Metti da parte un posto per me a fianco a te ovunque tu sia, e li che appartengo. Sarò lì quando sarà il mio turno. Addio per sempre Brodie. Ti voglio bene.”

Queste sono solo alcuni dei tweet espressi da personaggi legati al mondo del wrestling. Ovvio che mancano molti wrestler ma ho scelto di riportare quelli che mi hanno colpito di più’. Condividete con noi un ricordo di Brodie Lee o una dichiarazione fatta da qualcun altro nel nostro gruppo Telegram. Seguite il banner qui sotto per iscrivervi.

AllEliteRob