La AEW non è la vecchia TNA

Se i paragoni tra AEW e WCW ci sono sin da quando Dynamite ha fatto il suo debutto su TNT, alcuni fan ultimamente hanno cominciato a paragonare la compagnia di Jacksonville alla TNA, attualmente conosciuta come Impact. Il paragone viene fatto perché, secondo questi spettatori, alla AEW piace assumere vecchie glorie del wrestling e piazzarli in match quasi da main event invece di piazzarci le giovani promesse della federazione. Questo paragone viene rafforzato dal fatto che sia Sting che Christian Cage, che hanno vinto il titolo massimo in TNA, hanno entrambi firmato un contratto con la AEW a 4 mesi di distanza.

Eric Bischoff, che ha lavorato come produttore esecutivo nella TNA nel 2010 trova questo paragone veramente ridicolo:

“E’ veramente stupido questo paragone, da ignoranti e non lo dico per sfottere ma lo dico nel vero senso della parola.” ha detto Eric in un’intervista col giornalista Chris Van Vliet. “Le persone che dicono queste cose non hanno una conoscenza vera del wrestling. Certo, hanno quella conoscenza teorica che imparano seguendo, parlando o scrivendo del prodotto ma il più delle volte non sanno quello che stanno dicendo.”

“Quello che la AEW sta facendo non è un concetto nuovo. Non è che stanno creando qualcosa mai visto prima, però c’è da rifletterci. Cosa ci sarà mai di sbagliato nell’assumere dei performer ex-wwE di fama internazionale e con un seguito non indifferente? Dai su. Certo che se ci dovessimo fermare qui allora comprendo il paragone che i fan fanno. La AEW sta proponendo vecchie glorie che comunque hanno ancora qualcosa da dare, guarda Sting, Tully Blanchard e Arn Anderson. Sono vecchi? Certamente, sono vecchi quanto me ma hanno un valore. I fan che guardano il wrestling non compongono un solo demo…c’è molto di più. La AEW è un prodotto di famiglia e le persone dovrebbero capire le difficoltà di proporre un prodotto family-friendly nella fascia più interessante della serata in uno dei canali americani più importanti come TNT o USA, devi saper rendere il prodotto interessante ad ogni tipo di fascia. Non è che ti puoi concentrare su un solo demo e di certo non puoi avere solamente dei giovani performer, sentiresti subito certe persone dire “Wow, un altro novellino. Ecco un’altra giovane superstar che nessuno conosce.”

E voi cosa ne pensate del ragionamento di Eric Bischoff? Siete d’accordo? Fatecelo sapere nei nostri social oppure interagendo con noi direttamente nel nostro gruppo Telegram. Per iscrivervi, seguite il banner sottostante.

AllEliteRob