La AEW sbarca a NY

Sono ormai noti i piani della AEW di ritornare a fare gli show on the road: settimana dopo settimane nuovi show e nuove città vengono aggiunte in un modo aggressivo da cui la compagnia di Jacksonville non si nasconde affatto. Anzi, ha deciso di colpire la competizione, ossia la WWE, dove fa piu male: a New York. Infatti la AEW farà a tappa a New York il 22 di Settembre all’Arthur Ashe Stadium, casa del torneo americano di tennis US Open, e per l’occasione, questa puntata di Dynamite verrà denominata Grand Slam nome che cade proprio a pennello. E’ un annuncio non indifferente per varie ragioni: non solo questa tappa rappresentera’ l’apice della AEW nel ritornare a fare show on the road ma sarà anche il primo evento di wrestling che si svolgerà in quello stadio.

Vedetelo pure come una sorta di avvertimento alla WWE. Dopo la sua rapida (e prevedibile) consacrazione a federazione major di wrestling, la AEW ha saputo anche vincere la guerra del Mercoledi sera dato che la WWE si è trovata a spostare il suo show NXT al Martedì sera. Dopo essersi confermato come il programma di wrestling del Mercoledi sera, il passo successivo era quello di annunciare i propri show on the road in posti strategici dove c’è grande seguito. Ora, i fan capiscono l’importanza di questo show che sarà storico non solo per la AEW ma anche per il wrestling in generale e, inoltre, lo stadio collocherà il ring proprio nel centro dove normalmente vi è il campo da tennis, garantendo così uno spettacolo non solo per i presenti ma anche per quelli che si sintonizzerano da casa. Tutto questo significa che la AEW farà di tutto per fare uno show che sarà al livello di un PPV, quindi aspettatevi match titolati, i grandi nomi e anche grandi sorprese.

L’obiettivo di essere un’alternativa alla WWE è uno dei motivi per cui la AEW è stata creata e fare uno show in un’arena dove la WWE non ha mai messo piede è solo una delle tante prove. Una dichiarazione del genere è stata fatta proprio da Chris Jericho che recentemente ha detto:


“La WWE è una compagnia che ha molto successo, specialmente nell’area di New York. La città di New York è la loro roccaforte. Allo stesso tempo, però, vi sono anche persone che vogliono vedere cose che magari sono fatte in modo diverso e quindi credo che questa sia la ragione per cui faremo il nostro debutto in uno stadio dove la WWE non è mai stata.”

Certamente non è tutto oro quello che luccica. Infatti, la AEW dovrà vendere oltre 18mila biglietti per fare il sold out, che a New York è sempre molto difficile. Storicamente parlando, ci sono stati molti fallimenti nel mercato della Grande Mela, basti pensare alla WCW che quando era all’apice della sua esistenza non riusciva mai a riempire gli stadi, anche con Hulk Hogan presente. Anche la WWE ha avuto questi problemi, nonostante card succose o eventi speciali in palazzetti storici. Aggiungiamoci poi che parliamo di Dynamite, ossia il Mercoledì sera che per gli americani rappresenterà uno sforzo senza precedenti. Non è che stiamo parlando di un evento che cade nel weekend o magari che cade intorno a un giorno festivo, no. E’ un normalissimo Mercoledì lavorativo di una settimana lavorativa in una città caotica come New York dove anche il più corto dei viaggi comporta un sacco di tempo. Tutto questo rende questo evento molto interessante da seguire perché vuoi e non vuoi, l’evento avrà un impatto non indifferente. Parliamo di legende come Sting, Chris Jericho, Jon Moxley e Kenny Omega e molti altri… tutti sotto lo stesso tetto. Tetto che, come detto, ospiterà il suo primo show di wrestling e con il fatto che in America si respira un’aria di speranza riguardo il Covid, dove il peggio è alle spalle, la gente vuole andare ad eventi live come non mai e ogni evento sta facendo sold out e questa cosa, la vedremo confermata nelle prossime settimane con i vari show di wrestling che ritorneranno ad essere itineranti.

Tante federazioni hanno provato a sfidare la WWE in certi territori, senza successo. I McMahon, dopotutto, sono diventati quelli che sono ora inghiottendo territorio dopo territorio e rendendo il loro prodotto disponibile a livello nazionale. La AEW sta dando filo da torcere alla WWE, un tutto esaurito per questo show e la AEW si avvicinerà sempre di più alla compagnia di Vince McMahon. Certo, non è che significa che la WWE perderà il mercato di New York, anzi, magari non verranno neanche scalfiti a breve termine. MA, se cominciassimo a vedere eventi AEW che fanno sold out, uno dopo l’altro in territori dove la WWE regnava indiscussa, è lì che si comincerà ad assistere a fan che per la prima volta considereranno veramente quale federazione andare a vedere quando il wrestling farà tappa nella loro città. Certo, magari sarà pure un’esagerazione ma non dimenticatevi che un paio di anni fa, l’idea che la AEW avrebbe vinto la guerra del Mercoledi sera, era un’utopia e basta, e ora il Mercoledì sera è sinonimo di Dynamite.

Quindi chi lo sa, questo evento di Settembre magari sarà l’inizio di un cambiamento nell’industria del wrestling o forse no. Comunque sia, sarà uno show storico senza precedenti che non dovete assolutamente mancare.

AllEliteRob