Un debutto a lungo atteso

CM Punk ha fatto il suo debutto nella All Elite Wrestling durante l’ultima puntata di Rampage: The First Dance e questa cosa ha generato tanta hype per la compagnia. Tony Schiavone ha considerato questo debutto il più grande nella storia del pro wrestling. Cominciano a trapelare altri dettagli riguardo questo ritorno e si dice che il Best In the World sarebbe dovuto debuttare diverso tempo fa, ma che, a causa della pandemia, i piani sono stati rimandati.

Punk e la AEW erano in trattativa da molto tempo, pare addirittura dall’inizio della AEW stessa. Ancor prima del suo debutto nella compagnia di Tony Khan, ci sono state un sacco d’indizi sparsi qua e là per fomentare il suo ritorno.

Durante la conferenza stampa post-Rampage, Tony Khan ha detto che, per il debutto di CM Punk, hanno voluto aspettare le condizioni adatte in quanto la pandemia aveva svuotato i palazzetti. Ecco le parole Tony Khan:

“Mi piace pensare che ci siamo districati molto bene durante la pandemia, specialmente durante il periodo senza i fan nelle arene. Ribadisco che questa pandemia è stata una cosa che nessuno poteva prevedere e ha dato la possibilità a me e Punk di parlare e conoscerci perché non c’era nessuna fretta di fare cose: sapevamo che ci sarebbe voluto tempo prima di rivedere i fan sugli spalti. Penso che ne sia davvero valsa la pena di attendere, ne sono certo.”

Secondo Ringside News, CM Punk ha concordato di lavorare dalle 10 alle 12 date l’anno, quindi i fan avranno modo di vedere The Second City Saint combattere molte volte da qui ai prossimi anni. Staremo a vedere come verrà gestito Punk neprossimo periodo. Ora come ora, sappiamo solamente che il suo primo match sarà contro Darby Allin a All Out il 5 Settembre.

AllEliteRob