Retroscena sul main event di Forbidden Door

Da un infortunio difficile da gestire, a un mini torneo dal sapore piuttosto gustoso. Non sarà facile per Hiroshi Tanahashi e il motivo per cui non sarà semplice arrivare a un Forbidden Door che sembrava ormai il posto in cui avrebbe sfidato il campione AEW, beh, il motivo risiede in casa sua.

Sarà un mini torneo a decretare il campione ad Interim della AEW, lo deciderà quindi una battle Royale il cui vincitore andrà contro Jon Moxley e un match a Dominion in cui Tanahashi dovrà affrontare Hirooki Goto per stabilire chi della NJPW sarà della partita.

La NJPW, parlando con Tony Khan dell’infortunio di CM Punk, ha appreso che il lato americano avrebbe tenuto due sfide per decidere il main eventer di Forbidden Door, convinti di mandare il proprio araldo contro un Tanahashi che, giusto una settimana fa, è entrato dopo il match in cui si è poi infortunato Punk, a fare il famoso segno della cintura, sinonimo da sempre di sfida al campione.

Appresa la decisione della AEW, la NJPW ha deciso di fare anch’essa un match per decretare il proprio di araldo e la decisione è stata dettata dalla card di Dominion che non prevedeva match per Tanahashi: si è cercato un lottatore forte e credibile da contrapporre all’ACE della federazione, magari anch’esso fuori da Dominion e la scelta è ricaduta su un usato garantito, Hirooki Goto.

E’ stata quindi la NJPW stessa a voler mandare a Tanahashi un freno per la sua partecipazione a Forbidden Door, una scelta interessante che non fa sconti. Sarà una bella battaglia e anche noi ci accodiamo al grido vinca il migliore, quindi VINCA TANAHASHI!

Stefano