Tre individui scortati fuori da FD

Sono state 3 le persone scortate fuori dalla Security durante lo show Forbidden Door, in due momenti diversi e per circostanze diverse, sicuramente non un buon biglietto da visita dei fan americani da presentare a quelli Giapponesi.

Il pubblico era caldissimo a Chicago, la notte infuocata di uno degli show più attesi dell’anno è stata davvero un’esperienza bella da vivere, un ricordo da serbare nel cuore per gli anni a venire. Il problema è che, come sempre, ci sono dei cretini che non solo non sanno godersi uno show, ma che cercano anche di rovinarlo agli altri, chi ai performer e chi a quelli seduti nelle sedie di fianco alle loro.

Durante il primo match tre contro tre tra il team formato da Wheeler Yuta, Shota Umino e Eddie Kingston contro quello formato da Chris Jericho, Sammy Guevara e Minoru Suzuki, uno spettatore è stato portato via dalla security dopo una segnalazione da parte di Tay Conti, la quale era ad accompagnare Sammy Guevara, quindi nei pressi delle transenne tra il ring e il pubblico.

La Conti ha visto che una persona delle prime file stava passando il suo tempo a fotografare da vicino il sedere della lottatrice che, sentitasi a disagio, ha chiesto l’intervento della security che ha provveduto a fare piazza pulita del primo imbecille.

Se il resto dello show sembrava solo essere una bellissima festa di Wrestling, purtroppo due scalmanati, durante le prime fasi del main event che vedeva opposti Jon Moxley e Hiroshi Tanahashi, hanno deciso di iniziare una baruffa placata dalla sicurezza che ha dovuto portare fuori i due con il primo piuttosto reticente che ha anche cercato di colpire con dei pugni l’addetto alla sicurezza, ma che poi è stato neutralizzato e scortato fuori. Il secondo, decisamente più docile, mostrava la maglietta strappata mentre veniva invitato caldamente ad uscire.

Queste sono cose che fanno male al wrestling e fanno male all’immagine che i tifosi hanno rispetto al resto del mondo sempre pronto a criticare chi ama questo sport spettacolo. L’invito è sempre quello di ricordarsi che un evento di wrestling è un bel modo per fermare l’orologio e lasciare le preoccupazioni fuori dalla porta, svagarsi e tornare un po’ più sereni alla vita di tutti i giorni.

Stefano