Light The Fuse #120

Era il 29 giugno del 2019 quando la All Elite Wrestling andò in scena per la prima volta con Fyter Fest, che all’epoca fu uno dei primi eventi in pay per view della compagnia di Tony Khan. Oggi, tre anni dopo, la memoria di quell’evento continua a far parte della programmazione AEW ma invece che in ppv, si è unita al pacchetto di puntate speciali di Dynamite e anche quest’anno si dividerà in ben 2 settimane.

Benvenuti, o bentornati, quindi nel Light The Fuse, la rubrica di AEW Italian Podcast dove in questo numero andremo a fare il punto della situazione in vista della prima notte televisiva di Fyter Fest, facendo anche qualche rievocazione storica ed è il momento di cominciare ;

L’anno scorso durante la prima notte di Fyter Fest furono Hangman Page e la Doctor Britt Baker DMD ad essere protagonisti di segmenti all’interno del ring, ma quest’anno avremo due personaggi a tenere banco che dell’arte oratoria sono maestri e ben più esperti, ovvero Chris Jericho e Christian Cage.

The Wizard la prossima settimana affronterà nuovamente Eddie Kingston e questa volta in un Barbed Wire Deathmatch, quindi senza esplosioni, ma comunque con una dose di violenza e hardcore non indifferenti e sicuramente il canadese non mancherà di dirne di cotte e di crude in vista dell’incontro.

Christian Cage invece probabilmente coglierà l’occasione per dimostrare anche al pubblico di Savannah, di essere il Michael Jordan degli stronzi, ma insieme a lui ci sarà anche Luchasaurus , che sarà nuovamente in azione e forte di questo cambiamento di carattere, sta mietendo vittime come Lance Archer nei primi episodi di AEW Dark in lockdown. Chi sarà il malcapitato che verrà immolato sull’altare del dinosauro incattivito? I social e il gruppo telegram sono le sedi perfette dove far partire il totojobber, quindi a voi le ipotesi.

Due ex alleati, anche se in un’altra federazione, si ritroveranno nuovamente nel ring l’uno contro l’altro in AEW, ovvero Claudio Castagnoli e Jake Hager, che dopo il Blood & Guts, avranno modo di scontrarsi ancora ma questa volta in un 1vs1.

Anche nel 2020 Hager ebbe un match 1vs1 ma all’epoca fu per il titolo TNT contro Cody Rhodes e la sua Catalina gli fece pagare caro quella sconfitta, ma quest’anno per il fighter c’è in palio soprattutto l’orgoglio e la gloria di infliggere la prima sconfitta a Claudio in questo suo inedito percorso in AEW.

Nella prima notte del 2020 vi fu anche uno scontro fra veterana e giovane lottatrice e se li furono Hikaru Shida e Penelope Ford a darsi battaglia per il titolo mondiale femminile AEW, questa volta toccherà a Serena Deeb e Anna Jay entrare in azione in un confronto generazionale. Purtroppo oggi come all’epoca, sulla carta il match appare di facile lettura, specie e consideriamo che la Professor affronterà Mercedes Martinez a ROH Death Before Dishonor e quindi accumulerà quanta più carica possibile, tuttavia è una buona occasione per Anna per mettersi in mostra e mostrare, se ce ne sono, dei miglioramenti dopo le ultime performance a Dark e Dark : Elevation.

Abbiamo visto 3vs3 piccanti a Fyter Fest, come quello fra Elite e Lucha Bros con Laredo Kid della prima edizione in ppv, ma anche 4vs4, quest’anno però vedremo per la prima volta in questo format un Three way tag team match, per di più titolato, una formula che sta prendendo molto piede in questo 2022 della AEW e che stavolta vedrà gli Young Bucks mettere in palio le cinture contro il team Swerve in Our Glory e il Team Taz.

I team sfidanti si sono già trovati l’uno contro l’altro nel match a 3 coppie di Double Or Nothing e se quella volta furono i Jurassic Express a mantenere le cinture, sfruttando anche i reciproci tentativi degli sfidanti di mettersi i bastoni fra le ruote, questa volta potrebbero essere i Bucks a capitalizzare il forte rancore che sta crescendo fra le altre due coppie, le quali poi magari potrebbero finalmente scontrarsi in un testa a testa.

Il 2° match titolato di stanotte vedrà invece una battaglia per il titolo TNT con il neo campione Wardlow che affronterà il Freshly Squeezed, Orange Cassidy, reduce da una serie di belle performance, su tutte quella contro Will Ospreay a Forbidden Door e contro Tony Nese a Rampage.

Orange è una garanzia di intrattenimento divertente e genuino ma anche di imprevedibilità e oltre a vedere come reagirà il pubblico nel tifo, sarà interessante scoprire anche se sarà proprio il membro dei Best Friends a tirare fuori finalmente un incontro un pò più combattuto dal War Dog.

Nel 2020 Orange riuscì a mettere su una bella tripletta di match contro Chris Jericho, uno proprio durante una delle serate di Fyter Fest, dove nonostante la sconfitta diede molto spettacolo insieme al Demo God. Incrociamo forte le dita anche per questa annata!

Arriviamo però alla grande punta di diamante della puntata, con Jon Moxley che tornerà nuovamente in azione, questa volta per un first time ever davvero interessante contro Konosuke Takeshita.

La giovane stella della DDT sta davvero mettendo a ferro e fuoco l’occidente, girando in diverse compagnie indipendenti ma anche comparendo saltuariamente in AEW nei suoi vari programmi, televisivi e youtubici e per quanto sembri assurdo, non sta cannando nulla, conquistando match dopo match il cuore dei tifosi.

Se questa volta però oltre a mostrare le sue abilità dovesse ottenere anche una vittoria, allora avrà in futuro la possibilità di lottare per un match valido per il titolo mondiale AEW.

Quello che sembra un match dall’esito scontato sulla carta potrebbe regalare quindi una immensa sorpresa e se nel 2019, Moxley riuscì ad avere la meglio su Joey Janela in un match non sanzionato, se nella prima notte dello scorso anno ebbe la meglio su Karl Anderson, nella seconda perse il titolo IWGP United States in un Texas Deathmatch contro Lance Archer.

Anche all’epoca il risultato dello scontro sembrava scontato e a favore del lottatore di Cincinnati eppure ci fu una grande sorpresa e chissà che quest’anno non sia l’asso giapponese ad alzare vittorioso le braccia al cielo.

Lo scopriremo però solo guardando la puntata quindi come in ogni chiusura vi ricordo che potete seguire e supportare legalmente la AEW tramite Fite. TV, in particolare con il pacchetto AEW Plus, che oltre a Dynamite, vi permette di vedere Rampage e gli episodi speciali come Battle of the Belts, in live e con infiniti replay.

In alternativa, tenete d’occhio la programmazione di Sky Sport Italia, dove potete vedere sia Dynamite e Rampage con un commento in italiano.

Buon Fyter Fest a tutti.. E questo è solo l’inizio

Davide “Draco” Pastore – Wrestling Unico Amore