Jericho non vuole essere un EVP

In un’intervista a Inside the Ropes, il primo campione AEW Chris Jericho, ha parlato molto chiaramente del suo ruolo all’interno della compagnia e ha messo in chiaro che non gli serve un titolo per il ruolo che ha e che rappresenta.

Non mi serve un titolo di riconoscimento, il fatto di lavorare per il bene della compagnia è una cosa che faccio e che continuerò a fare, sia che abbia o meno del tempo televisivo in quell’episodio. Parto alle 14 e finisco quando tutto è stato smontato,sono li per dare consigli e rendermi utile, tutti sanno che possono venire da me. E poi, io sono Chris Jericho, quale altro titolo onorifico mi serve?

Sempre durante l’intervista è stato chiesto a Jericho quale sia il suo Mount Rushmore dei migliori lottatori di wrestling di tutti i tempi.

La risposta del GOAT è stata chiara, “Amo Shawn Michaels, Owen Hart, Ricky Steamboat e Hulk Hogan. Erano i miei preferiti quando ero un ragazzo e sono gli atleti che metterei nel mio Mount Rushmore.

Nonostante la sua fantastica carriera di oltre 30 anni nel business, in cui ha lottato per le maggiori federazioni del mondo, AEW, WCW, WWE, NJPW ed ECW, Jericho ha chiarito il perché non sceglierebbe se stesso come volto da scolpire sulla montagna.

Non si sceglie la propria faccia per essere sul Monte Rushmore. Se così fosse allora tutti noi avremmo quattro, quattro, quattro di noi … Questo e i GOAT sono argomenti di conversazione interessanti, ma se sei un GOAT o sei degno di essere sul Mount Rushmore di qualcuno, probabilmente allora non serve che tu dica di doverci essere.

Stefano