Light The Fuse #131

La settimana di Grand Slam ha messo la proverbiale ciliegina sulla torta su quello che è il processo di assestamento della All Elite Wrestling dopo lo spinoso post All Out, una ciliegina fatta di grandi match, gli incredibili debutti di Saraya e Great Muta e l’elezione di nuovi campioni del mondo, uno in particolare abbastanza inaspettato.

Ma andiamo con ordine e benvenuti quindi in un nuovo Light The Fuse di AEW Italian Podcast, dove ogni settimana potete trovare un analisi dedicata alla imminente puntata di Dynamite.

Il main event di Dynamite Grand Slam è stato da pelle d’oca, ma anche intensamente osservato da MJF, che dalle tribune si è goduto sornione lo spettacolo con la sua chip ben stretta. Questa settimana MJF sarà presente per parlare al pubblico e probabilmente vedremo un nuovo tassello del percorso che lo porterà a muovere guerra al Blackpool Combat Club, iniziando da Wheeler Yuta, interrotto e aggredito verbalmente la scorsa settimana dal Salt of the Earth.

Oltre a MJF però anche la figlia d’arte e nuova arrivata, Saraya, sarà presente questa settimana per rivolgersi al popolo della AEW. La wrestler e streamer inglese non lotta da diversi anni ormai, ma è bastato il suo arrivo per fare esplodere di gioia il pubblico che ovviamente non vede l’ora di scoprire quale sarà il suo futuro nella compagnia di Tony Khan.

Il già citato main event dello scorso Dynamite ha incoronato Jon Moxley per la 3° volta come campione del mondo AEW e non sembra esserci pausa per il Mad Dog, che questa settimana tornerà subito in azione per affrontare un ospite direttamente dalla New Japan Pro Wrestling, ovvero Juice Robinson, che rappresenterà il Bullet Club e andrà a caccia di una opportunità titolata ora in AEW provando a battere Moxley stanotte.

I due si sono incontrati diverse volte già in Giappone, sia in singolo che in coppia, infatti fu proprio Moxley nel 2019 a mettere fine al regno di Robinson come campione degli Stati Uniti IWGP, ma dopo alcuni scontri in coppia, fu proprio Juice a mettere un muro sulla possibilità per Moxley di accedere alla finale del G1 Climax di quell’anno, sconfiggendolo nel Blocco B. Moxley è riuscito a difendere il titolo IWGP US nel 2020 contro di lui ma non è riuscito a riconquistarlo nel 4 Way match di quest’anno dove a spuntarla invece è stata proprio la Rockstar del Bullet Club.

Ora il campione del mondo dovrà tenere lontano l’ospite dalla cintura principale della AEW, una sfida decisamente da non prendere sottogamba visto anche MJF e i suoi alleati dietro l’angolo.

Non c’è respiro però neanche per il nuovo campione della Ring of Honor, Chris Jericho, fresco di vittoria sullo svizzero Claudio Castagnoli, ma già pronto a difendere la sua cintura.

L’uomo dai mille soprannomi, ma per davvero, affronterà nientemeno che uno degli ultimi rappresentati di maggior livello della storica compagnia indy, ovvero El Mas Buscado, Bandido.

Il luchador farà quindi il suo debutto in AEW per cercare di riottenere ciò che un infortunio prima e poi l’acquisizione della ROH da parte della AEW dopo , gli ha impedito di detenere più a lungo, ovvero il titolo mondiale ROH, vinto nel luglio del 2021 contro El Toro Blanco RUSH.

Un match che sicuramente con il Jericho di una volta e il Bandido di oggi sarebbe da segnare subito negli annali del buon wrestling probabilmente, ma che comunque a mio parere può ugualmente offrire tanto poiché oltre ad avere uno scontro generazionale avremo anche una battaglia dove saranno contrapposti stili e carriere nettamente diverse. Da un lato l’eterno portabandiera del mondo major venuto proprio dalle indy, dall’altro il guerriero oggi più ricercato nel panorama indipendente e portabandiera della lucha libre.

Decisamente uno scontro da non perdere e che magari potrebbe anche rovinare la festa programmata dal canadese per festeggiare il suo 8° titolo del mondo.

Occhi aperti quindi sulla puntata e i suoi sviluppi, che saranno ciò su cui andremo a riflettere nell’edizione della prossima settimana e tutti gli altri contenuti offerti da questo progetto dedicato al ricco mondo della All Elite Wrestling.

Buon Dynamite a tutti

Davide “Draco” Pastore – Wrestling Unico Amore