Light The Fuse #132

It’s wednesday and you know what that means… AEW DYNAMITE… with party!

È una settimana speciale per la All Elite Wrestling di Tony Khan, che solo pochi giorni fa ha raggiunto il terzo anno effettivo della sua programmazione televisiva, iniziata il 2 ottobre 2019 e proseguita poi ininterrottamente nonostante anche una pandemia globale.

I festeggiamenti per questa ricorrenza sono stati fissati per oggi 5 ottobre, con una puntata molto ricca e per certi versi anche importante in vista della strada che porterà a Full Gear, ultimo ppv per questo 2022.

Benvenuti quindi nel Light the Fuse di AEW Italian Podcast in versione speciale Anniversario, dove andremo a vedere i protagonisti annunciati di questa puntata, facendo occasionalmente un salto in quello che è stato l’inizio della AEW in televisione.

Per quanto si possa festeggiare la compagnia, ci sarà un momento durante la serata in cui qualcos’altro prenderà il suo posto nei festeggiamenti e chi se non gli Acclaimed?

I neo campioni di coppia, freschi anche di una difesa titolata convincente a Rampage, terranno il National Scissoring Day insieme a Billy Gunn e chissà che non vengano interrotti da dei nuovi pretendenti alle corone tag team.

Presente dagli inizi della All Elite Wrestling così come nella prima puntata televisiva, anche stanotte MJF sarà in azione nel ring AEW, dove dal 2019 appare in modo esclusivo, questa volta per affrontare l’ex campione ROH Pure, Wheeler Yuta.

I due si sono lanciati parole di fuoco in queste ultime due settimane con Yuta che in entrambi i casi ha deciso di passare alle mani, cosa che questa notte toccherà fare ad entrambi per mettersi nella miglior luce possibile in vista del ppv.

Nel 2019 ad MJF toccò in sorte Brandon Cutler, 3 anni dopo il giovane ed egomaniaco talento può dire con sicurezza di aver fatto decisamente un salto di livello e magari entro l’anno consacrerà il tutto con un titolo.  Questo però è tutto da vedere, così come gli sviluppi negli intrecci freschi nati fra Darby Allin e Jay Lethal.

L’ex campione del mondo della ROH ha sfidato insieme ai suoi alleati, il pupillo di Sting, che ovviamente non si è tirato indietro dall’accettare la battaglia.

Anche Darby fin dal suo arrivo è stato fra i punti fissi della AEW, non c’era 3 anni fa nella puntata iniziale, ma dalla successiva ha lavorato costantemente per ritagliarsi uno spazio ben definito nella compagnia di Jacksonville.

Annunciato per questa puntata è anche la macchina distruttrice proveniente dal Giurassico, ovvero Luchasaurus, ormai passato definitivamente dalla parte di Christian Cage e pronto ad annientare un’altra sfortunata vittima capitata sulla sua strada.

3 anni fa in un match titolato 1vs1 si affrontarono Riho e Nyla Rose per decretare la 1° campionessa della All Elite Wrestling, stanotte invece saranno Wardlow e Brian Cage a darsi battaglia in un match valido per il TNT Championship. Mr Mayhem finora ha regnato abbastanza facilmente con la cintura e con la nuova alleanza nata con il campione ROH Television, Samoa Joe, sembra in grado di non temere nulla e nessuno, ma The Machine sarà sicuramente un test per verificare se è effettivamente così. La potenza e la velocità di Cage sono ben note, anche se apparse molto raramente nei ring di Tony Khan nell’ultimo anno e stanotte avrà la possibilità di ricordare a tutti il suo valore.

Così come il Salt of the Earth, MJF, anche Hangman Page era presente nell’inizio televisivo della AEW, all’epoca per affrontare the Bastard, PAC.

Oggi però c’è un’altra sfida per il Cowboy della Virginia, contro un avversario altrettanto temibile ovvero l’Ingobernable Mayor, RUSH.

Il messicano è arrivato all’inizio dell’estate in AEW e a suon di colpi duri e parole fiammanti insieme ad Andrade sta cercando di conquistare quanto più spazio possibile. Finito a scontrarsi con il Dark Order durante la Golden Ticket Battle Royale, era solo questione di tempo prima che davanti a lui si parasse anche l’ex campione del mondo. Un first time ever decisamente interessante e da non perdere, preludio di un’altra grande battaglia che attende il Cowboy in questo mese.

3 anni fa fu un 3vs3 maschile a tenere alta l’attenzione durante il debutto della All Elite su TNT, oggi, 3 anni dopo, un altro 3vs3 promette scintille, ma questa volta femminile.

La campionessa mondiale Toni Storm, Athena e Willow Nightingale uniranno le forze per affrontare le alleate della Doctor Britt Baker, ovvero Jamie Hayter, Penelope Ford e Serena Deeb.

Una contesa che se dovesse avere un minutaggio adeguato al numero di partecipanti e alla loro bravura, potrebbe davvero regalare uno spettacolo molto godibile. Ci sarà però da tenere gli occhi aperti anche fuori dal ring, dove saranno presenti sia Saraya che la Doctor DMD, entrambe per supportare le loro protette.

Nel 2019 c’era un uomo, veterano del ring, pluricampione del mondo e primo campione AEW, che in pochi mesi catturò totalmente la scena nella compagnia di Tony Khan, chiudendo vittorioso All Out, infiammando il web con il suo “Bubbly” e orchestrando un processo durante la prima puntata di Dynamite che ha portato alla creazione della Inner Circle.

Chris Jericho è un’onda anomala del wrestling che resistendo al tempo ha inondato anche il mondo della AEW con la sua monumentale esperienza e la capacità innata di tirare fuori il meglio da qualunque situazione, in ring e come abbiamo visto di recente, anche fuori.

Oggi Chris è forse l’iceberg inamovibile della compagnia e se 3 anni orsono, fu protagonista insieme a Santana e Ortiz, di un imprevedibile main event, stanotte insieme a Sammy Guevara potrà regalare un’altra grande contesa contro una coppia fresca ma interessante, formata da Daniel Garcia e Bryan Danielson.

Il campione ROH Pure ha puntato i piedi la scorsa settimana contro tutte le buffonate della JAS, cogliendo poi l’occasione con l’arrivo di Bryan, per mettere in piedi questo match contro un Chris che nonostante voglia tenere in tutti i modi vicino a se il Dragon Slayer, non può fare altro che appellarsi alla sua unica certezza da 3 anni, Sammy Guevara.

Lo Spanish God venne scelto personalmente dall’allora Le Champion, per la Inner Circle, è andato via, ma poi tornato nel momento del bisogno per svelare il complotto di MJF, per poi uscire a causa dei dissidi interni e tornare ancora una volta per essere di supporto decisivo a Jericho.

Insomma, al di là dei risultati nel ring, stanotte andrà in scena una celebrazione di parte della storia della AEW, con volti presenti dal principio che insieme a quelli più recenti, creeranno la fusione fra passato e presente per portare la compagnia verso il futuro.

Per questa preview è tutto e non rimane che ricordarvi l’appuntamento della prossima settimana, con una nuova preview e sicuramente tanto altro da analizzare, alla luce anche della puntata di Rampage dove Andrade metterà in palio la sua carriera in AEW pur di togliere la maschera a 10. Ma intanto…

Tanti auguri Dynamite e buona visione a tutti

Davide “Draco” Pastore – Wrestling Unico Amore